• Breuil Cervinia Valle d'Aosta

Breuil Cervinia

comprensorio del Cervino

Le origini di Breuil-Cervinia risalgono a più di duecento anni fa, quando la natura incontaminata dominava i piedi del Cervino, e la conca del Breuil era un immenso pascolo alpino, raggiungibile solamente con lunghe ore di cammino a piedi.

“Breuil” in patois significa “terra di molte acque”, proprio ad indicare l’immensità di laghi e torrenti che caratterizzavano questa zona. Un enorme prato verde d’estate, che con l’inverno si trasformava in una infinita distesa di neve, in cui il silenzio e la pace erano interrotti solamente dal rombo delle valanghe.
La maestosità della montagna, la bellezza dei luoghi ha spinto, già alla fine del 1700, gli alpinisti a tentare la scalata del Cervino e numerosi studiosi ad affrontare i sentieri che conducevano al Breuil.

Il viaggio da Chatillon era almeno di due giorni, a piedi o in groppa ad un mulo, prevedendo una sosta a Valtournenche, per riposarsi e magari accordarsi con qualche portatore per il giorno successivo, in modo da arrivare al Breuil in sicurezza.
Negli anni ’30 le costruzioni nella conca del Breuil erano proprio poche: la chiesetta, un bar, un paio di alberghi e qualche villa privata. Nel 1934 è stata fondata la Società Cervino, e nel 1936 è stata realizzata la prima funivia Breuil-Plan Maison, dando il via allo sviluppo di quello che è diventato uno dei maggiori comprensori internazionali di sci, che ancora oggi si distingue per l’innovazione tecnologica sempre all’avanguardia.

sci, vacanze inverali a Breuil Cervinia

Breuil-Cervinia in inverno

Il comprensorio sciistico del Cervino è uno dei più ampi della Valle d’Aosta ed è inserito in un paesaggio unico.

I pendii che sovrastano Breuil-Cervinia sono collegati a quelli di Valtournenche per un totale di 150 Km di piste, che diventano 350 se si sfrutta il collegamento internazionale con Zermatt. Difficile scegliere in un’offerta così ricca, ma sicuramente da non perdere sono la pista del Ventina, che collega i 3.480 metri del Plateau Rosa con il centro di Breuil-Cervinia e la pista “Reine Blanche” che dal Piccolo Cervino (3.883 m.) scende a Valtournenche (1.524 m.).

Gli amanti dello snowboard e freestyle skier, troveranno pane per i loro denti nello snowpark Indian Park, il più alto d’Europa con più di 400 metri di lunghezza per 100 mt di larghezza che garantiscono un’area freestyle di oltre 4 ettari, grazie anche alla presenza di numerose strutture, sia rail che kicker. Una seggiovia quadriposto ad ammorsamento automatico permette risalite molto rapidamente non costringendo i rider a lunghe code, nemmeno durante il week-end Musica assicurata grazie alla presenza di un potente sound system.

Per il periodo invernale le Guide Alpine del Cervino che vi propongono gite di fuoripista,  sci alpinismo, cascate di ghiaccio e heliski. Sciare utilizzando l’elicottero quale mezzo di risalita è un’esperienza indimenticabile. Breuil-Cervinia, caratterizzata da grandi spazi e da dislivelli compresi tra i 1500 metri di Valtournenche ai 4600 metri del Monte Rosa, rappresenta senza dubbio una delle migliori destinazioni per la pratica dell’Heliski.

Per vivere la neve in modo diverso, ci si può cimentare con lo sci di fondo su un anello lungo 3 Km, con un percorso vario che si adatta a principianti ed esperti sulla pista di Breuil Cervinia che grazie all’alta quota (2.050. mt) è aperta tutto l’inverno con innevamento naturale. In alternativa si può camminare con le racchette da neve immersi nel silenzio della montagna oppure “lanciarsi” con il parapendio, il kiteski o l’airboard. Completano le offerte per il vostro divertimento le escursioni con le motoslitte e i tracciati su ghiaccio con i go-kart.

cosa fare

  • sci
  • snowboard
  • freestyle ski
  • helisky
  • sci alpinismo
  • sci di fondo
  • motoslitta
  • pattinaggio su ghiaccio
  • racchette da neve
  • parchi gioco sulla neve
  • piscine coperte
  • benessere

Skirama

Uno spazio infinitamente bianco che inizia a 1.524 metri, a Valtournenche, abbraccia Breuil-Cervinia sale ai 3.480 di Plateau Rosà, sfiora i 4.000 al Piccolo Cervino, si arrampica a 4.478 sulla vetta del Cervino, e continua sul versante alpino della Svizzera fino a Zermatt. Un comprensorio dove la neve è scenario di sport, vacanza e divertimento. A vostra disposizione 350 km di piste che permettono di sciare per tutta la giornata senza ripetere mai la stessa pista, alternando percorsi più semplici a più impegnativi.
per maggiori informazioni www.cervinia.it

sole e montagna, le vacanze estive a Breuil Cervinia

Breuil-Cervinia in estate

In estate Breuil-Cervinia e la Valtournenche offrono agli amanti della natura e dello sport innumerevoli possibilità di svago e relax.

Ci sono passeggiate adatte a tutti, dalle facili escursioni ai laghi alpini, la Grande Balconata, fino alla più impegnativa conquista del maestoso Cervino. Immersi nella natura potrete anche fare anche piacevoli incontri con marmotte, stambecchi, camosci e scoiattoli, e poi sostare nei ristori, nelle baite in quota, per gustare piatti tipici o robuste merende. Per chi vuole raggiungere le alte mete poramiche senza camminare può usufruire dei numerosi impianti di risalita.

Gli amanti del trekking o delle ascensioni alpinistiche possono cimentarsi con le Guide Alpine del Cervino che vi propongono escursioni estive sulle montagne della Valtournenche come la salita al più facile 4000 mt delle Alpi, il Breithorn, oppure trekking naturalistici e avventure di canyoning.

A Breuil-Cervinia si scia sul ghiacciaio del Plateau Rosà e si può giocare a golf su un nuovissimo campo di 18 buche direttamente ai piedi del Cervino. A Valtournenche ci si può confrontare sulla Via Ferrata Gorbeillon, mentre ad Antey-Saint-André; il parco avventura offre ore di gioco a contatto con la natura, percorsi sportivo-ricreativi aerei di diverse difficoltà e una palestra artificiale per l’arrampicata.

A La Magdeleine si può percorrere il “sentiero dei mulini”, che congiunge otto mulini di recente ristrutturazione tutti posizionati lungo lo stesso corso d’acqua. Panoramiche terrazze per i lanci con il parapendio, un’ampia rete di sentieri percorribili con la mountain bike o a cavallo, aree pic-nic attrezzate e parchi gioco per i bambini completano l’offerta estiva della Valtournenche.

giocare a golf a Breuil Cervinia

Golf Cervino

Il Golf Club del Cervino ha festeggiato nel 2005 il mezzo secolo di affiliazione alla Federazione Italiana Golf.

Realizzato da Donald Harradine nei primi anni cinquanta, con i suoi 2050 metri di altitudine è uno dei percorsi più alti in Europa. Il campo, situato in un contesto naturalistico unico, offre al giocatore un panorama spettacolare al cospetto dell’immagine abbagliante della “Gran Becca”, che riempie gli occhi ed il cuore.
www.golfcervino.com

la gastronomia e i vini della Valle d'Aosta

Valle d’Aosta: prodotti tipici e vitigni

Espressione del forte legame culturale che lega indiscutibilmente la gente al proprio angolo di territorio, i prodotti tipici della Valle d’Aosta racchiudono il meglio di quanto possa offrire questa terra abbinata alla sapienza e maestria del popolo valdostano nel coltivarla dalla notte dei tempi.

  • Formaggi: Freschi o stagionati, i formaggi valdostani soddisfano tutti i palati, anche dei più esigenti.
  • Salumi: Salumi caratteristici e carni essiccate, delizie esclusive particolarmente stuzzicanti che incantano gli amanti della buona tavola.
  • Frutta: dai frutteti della Valle d’Aosta, crescono la mele e pere di montagna, dai colori e profumi intensi e con polpa finissima e succosa.
  • Miele: Antico alimento della comunità locale, viene lavorato ancora come una volta.
  • Pan Ner: l’antica e gustosa tradizione della fabbricazione del Pan Ner, ha permesso il suo riconoscimento come prodotto agroalimentare tradizionale.
  • Genepì: Liquore di antica origine, dal sapore molto gradevole e dalle proprietà digestive e balsamiche.

Vitigni della Valle d’Aosta

La Valle d’Aosta è terra di contrasti e neppure i vitigni, autoctoni e tradizionali, della regione si sottraggono alla regola.

La coltura della vite è segnalata in tempi remoti ed il territorio vitivinicolo valdostano è piuttosto ricco e variegato per essere una regione che produce vini di montagna.
La ricchezza della viticoltura valdostana sta nei vitigni autoctoni, prodotti solo in Valle, e nelle mani di esperti "vignerons" che con passione e tenacia se ne prendono cura. Molti vitigni autoctoni, in quanto parte della cultura valdostana, sono stati recentemente selezionati e reimpiantati. É così che oggi possiamo gustare i vini di antichi vitigni come Cornalin, Gros Vien, Muscat Rouge, Premetta e il Prié Blanc, unico vitigno autoctono a bacca bianca, è una delle rare varietà a piede franco.

per maggiori informazioni: route des vins Valle d’Aosta

Crediti:
Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta.